giovedì 7 novembre 2013

CONSIGLI UTILI : La cabina doccia


La praticità di una semplice funzione


La cabina doccia è un elemento che coniuga la rilassante azione della detersione con la praticità di un’azione che si possa fare anche in situazioni di poco tempo.


Scegliere una cabina doccia significa avere una vita attiva, sempre di corsa e essere sempre pronti a scattare.
Tante e differenti le cabine doccia ma essenzialmente si suddividono in due tipologie: i blocchi doccia precostituiti e le docce in muratura.






La cabina doccia precostituita è caratterizzata da un piatto chiuso verticalmente da un cristallo o da un materiale plastico e completo di colonna con tubazioni per l’erogazione dell’acqua, con o senza idromassaggio.
La cabina doccia in muratura invece è caratterizzata da un piatto doccia, da una chiusura e da una colonna doccia che possono essere scelte in maniera differente coordinate o meno tra loro, indistintamente una dall’altra.



Un consiglio è scegliere le dimensioni in relazione allo spazio che si ha a disposizione nell’ambiente bagno.


Le chiusure per la cabina doccia

Parlando di cabine doccia, non possiamo trascurare l’elemento di chiusura: ecco alcuni consigli per una scelta consapevole e informata. 

La possibilità per gli elementi di chiusura è data dall’elemento caratterizzato da materiale plastico, oppure da un cristallo di vetro temperato oppure stratificato.

Il materiale plastico può essere sia trasparente sia testurizzato in diverse finiture, opaline o lisce; quello in cristallo è caratterizzato da quattro differenti spessori: 3, 4, 6, 8 millimetri.

I vetri più spessi permettono un’installazione senza profili, mentre negli spessori di 3 o 4 millimetri è necessario avere un profilo che sia in alluminio o acciaio perché si possa installare il vetro.



I piatti doccia

Ultimo ma non per importanza, il piatto doccia.
In passato realizzati unicamente in ceramica bianca e lucida dalle misure standard di 70x70, 80x80, 90x90 oggi troviamo misure di ogni genere e sorta, anche soluzioni per la creazione di spazi doccia dalle dimensioni implementabili in lunghezza tramite accostamento di più moduli uguali.


Un buon consiglio è quello di scegliere elementi con trattamento superficiale opaco o antisdrucciolo.


In questo modo la sicurezza di non scivolare sarà garantita e saremo più tranquilli anche a piedi scalzi e bagnati, senza la necessità di utilizzo di quegli antiestetici tappetini per doccia.



Il colore nei nuovi piatti doccia non manca: dalle superfici bianche, nere e grigie, si passa anche a soluzioni colorate per finire con texture e finiture di ogni genere, forma e colore per soluzioni che si adattino ad ogni spazio e soprattutto ad ogni gusto personale.





amedeo l i b e r a t o s c i o l i